• Arrivano i nostri

    Pesca al tonno illegale: Greenpeace blocca pirati del Pacifico

    Vi avevamo già parlato della campagna che Greenpeace sta portando avanti contro la pesca indiscriminata del tonno.

    Ieri alcuni attivisti a bordo della nave Esperanza hanno bloccato il trasferimento illecito di tonni di un peschereccio illegale che stava pescando in acque internazionali vicino all’Indonesia.

    Il peschereccio senza nome e senza bandiera di appartenenza, non registrato ma con equipaggio filippino, è stato sorpreso pescare e trasferire illegalmente le proprie catture al cargo frigo Lapu Lapu, in una delle aree d’alto mare del Pacifico conosciute come “Pacific Commons”: acque internazionali appena fuori le zone economiche esclusive sotto il controllo delle Nazioni delle isole del Pacifico,  dove la pesca con reti a circuizione è stata vietata dal 2010 dalla Commissione per la pesca del Pacifico Centro Occidentale.

    Si stima che tra il 21 e il 46 per cento  di tutto il tonno pescato nel Pacifico venga catturato da navi pirata come quella intercettata ieri. Le aree d’alto mare sono difficili da controllare e, per questo motivo, sono spesso scenario di attività illegali. Greenpeace chiede che tali aree vengano chiuse definitivamente a ogni tipo di pesca al tonno.
    Fonte: Greenpeace

    OkNotizie

Articoli Relativi

  • Il Governo omaggia i petrolieri, “Adriatico sotto scacco”

    Il Ministero dello Sviluppo Economico ha autorizzato la società petrolifera Po Valley Operations ad ampliare la superficie concessa per le attività di ricerca di gas e petrolio in mare, entro le 12 miglia dalla costa, nonostante una legge del 2010 lo vieti. Greenpeace, Legambiente, Fai e altre associazioni ambientaliste ricorrono al Tar contro questa “forzatura intollerabile”

  • Greenpeace, attivismo verde a Internazionale 2013

    Greenpeace difende i suoi 30 attivisti arrestati in Russia per aver contestato le attività estrattive della Gazprom nei mari dell'Artico. Sottobosco ha incontrato Greenpeace durante il Festival di Internazionale a Ferrara, 3 - 6 ottobre

  • Il mondo dopo i maya: buoni propositi per un 2013 più green

    I miei buoni propositi per il 2013 sono l'eliminazione categorica dalla mia dieta di due alimenti tra i più diffusi e meno sostenibili del mondo: il tonno in scatola e l'olio di palma

Lascia un commento