pixel
 
BolognaFerraraForlì-CesenaModenaParmaPiacenzaRavennaReggio EmiliaRimini

Un anno contro lo spreco

Banner

Settimana europea per la riduzione dei rifiuti

Banner

Piè Veloci

Banner

Login

Non sei ancora registrato? Iscriviti a Sottobosco.info e ricevi la nostra newsletter con i fatti principali della settimana.



RSS FEED

feed-image Feed Entries
 
Mercoledì, 19. Ottobre 2011

Civis sì, Civis no PDF Stampa E-mail
Votazione Utente: / 1
ScarsoOttimo 
Scritto da Giuseppe Fiordalisi   
Giovedì 15 Settembre 2011 16:27

Da tempo le varie forze politiche dei diversi schieramenti si interrogano sull'effettiva utilità del Civis, il tram su gomma  che collegherà San Lazzaro di Savena al centro storico di Bologna. In questi ultimi giorni è iniziata un'altra puntata di questa tormentata storia, già al centro di un'inchiesta giudiziaria. 

Irisbus e Ccc hanno presentato ricorso contro il verdetto della commissione sicurezza che il primo giugno aveva bocciato il tram su gomma, giudicando non sicura la guida ottica. In particolare la lunga relazione di accompagnamento della commissione sicurezza specifica che si ritiene che per il progetto di Bologna l'utilizzo della guida ottica lungo la linea non offra le garanzie di sicurezza e pertanto si ritiene opportuno consentire l'utilizzo del veicolo Civis lungo la linea soltanto in modalità manuale. Dunque il Civis diventerebbe un semplice filobus.

civis

Inoltre, nel documento si elencano anche tutte le anomalie riscontrate dagli autisti di Atc che hanno sperimentato il mezzo, si parla del problema della visibilità della guida centrale ma si riscontra il problema che la porta anteriore, oltre ad essere di dimensioni ridotte, è dotata di meccanismo di apertura con tempi molto lunghi di apertura e chiusura.

La risposta di Iribus e Ccc non si è fatta attendere: già il 29 giugno scorso hanno presentato un ricorso al Ministero dei Trasporti. Secondo il parere dell'Iribus e Ccc, la relazione della commissione sicurezza sarebbe illegittima sotto vari aspetti. In particolar modo non sono rispettati i fondamentali principi di legittimità, trasparenza, imparzialità e buon andamento della pubblica amministrazione proprio per queste ragioni si è deciso di impugnare il ricorso per  via amministrativa.

Nello stesso tempo non è mancata una replica da parte  dell'Atc nei confronti dell'ati (associazione temporanea di imprese) formata da Irisbus e Ccc. In una missiva firmata dal presidente dell'azienda Francesco Sutti, Atc afferma che lo scenario delineatosi non può far escludere serie conseguenze sul piano contrattuale. L’Ati tuttavia considera  la relazione "illegittima" e dunque, respingono al mittente,ossia, l'Atc, ogni ventilata ipotesi di serie conseguenze per inadempimento del contratto.

Questo nuovo tassello nell'odissea del Civis arriva mentre in Procura si attendono gli esiti degli ulteriori accertamenti richiesti, per rogatoria in Francia per far chiarezza sulla vicenda della messa in strada dei Civis nella città di Clermont Ferrand.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Copyright © 2011 Sottobosco - Testata Giornalistica Online. Tutti i diritti riservati.
Web-Stylist: Siti Internet Bologna - Logo: F.Eppesteingher