pixel
 
BolognaFerraraForlì-CesenaModenaParmaPiacenzaRavennaReggio EmiliaRimini

Un anno contro lo spreco

Banner

Settimana europea per la riduzione dei rifiuti

Banner

Piè Veloci

Banner

Login

Non sei ancora registrato? Iscriviti a Sottobosco.info e ricevi la nostra newsletter con i fatti principali della settimana.



RSS FEED

feed-image Feed Entries
 
Mercoledì, 19. Ottobre 2011

Bologna superata dall'ozono PDF Stampa E-mail
Votazione Utente: / 2
ScarsoOttimo 
Scritto da Filippo Piredda   
Sabato 23 Luglio 2011 00:00

Come ogni estate, il caldo fa sì che l'aria della città sia più inquinata. Questa volta preoccupano i livelli di concentrazione di ozono che, come mostrano i dati ARPA Emilia Romagna, hanno superato il consentito il 3 e 4 luglio e poi dal 6 fino al 21.

Due allora sono le domande che tutti possiamo porci: quanto è grave e come si rimedia.città

Sempre sul sito dell'ARPA ER e quello dei colleghi di ARPA Veneto si può leggere una veloce spiegazione: si parla di effetti sull'apparato respiratorio "all´aumentare delle concentrazioni di ozono nell'aria aumenta progressivamente la quota di persone nella popolazione che manifesta dei disturbi, e gli effetti avversi sulla salute diventano progressivamente più gravi". Per chiarire le conseguenze di tali disturbi scorrendo la pagina wikipedia su lo smog fotochimico (di cui ozono fa parte), leggo che studi a lungo periodo non ci sono, anche se c'è teoria che sostiene "accelerazione nell'invecchiamento del tessuto polmonare a causa dell'ossidazione di alcuni composti nelle proteine", sul breve invece si parla di "bambini e giovani che riportano sintomi come fastidio al petto, tosse, mal di testa".

Al di là dell'ozono i Verdi di Bologna si chiedono se esista "un piano anti-smog estivo", la Giunta Merola pare impegnata in molte altre cose. Secondo il il presidente Filippo Bortolini le soluzioni sono limitazioni del traffico, piani di forestazione urbana "per esporre meno terreno ai raggi del sole e mantenere l'aria più fresca", utilizzare diversi materiali per sostituire l'asfalto, "per esempio sui marciapiedi si potrebbero usare sempre pietrini autobloccanti che oltre a scaldarsi meno permetterebbero la penetrazione delle acque piovane nel terreno".

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Copyright © 2011 Sottobosco - Testata Giornalistica Online. Tutti i diritti riservati.
Web-Stylist: Siti Internet Bologna - Logo: F.Eppesteingher